• emanuele.bruni@unicamillus.org

Emanuele Bruni

Biologia Applicata - Bio/13

Biografia

Consegue la Laurea Triennale in Biologia Cellulare e Molecolare, la Laurea Specialistica in Biologia ed Evoluzione Umana con lode ed il Dottorato di ricerca in Biologia Cellulare e Molecolare presso l’Università degli Studi di Roma “Tor Vergata”, dove ottiene anche un Master di II livello in Nutrizione Personalizzata con lode e l’abilitazione alla Professione di Biologo Specialista. Sempre nella stessa Università continua il periodo di formazione con borse di studio post-laurea, ampliando le sue competenze tecniche con uno stage in Lussemburgo, presso il Laboratorio di Biologia Cellulare e Molecolare diretto dal Prof. Diederich e uno stage in Germania, presso il Laboratorio diretto dal Prof. Grassingher nell’Ospedale Universitario di Regensburg, perfezionando le tecniche di allestimento e mantenimento di co-colture tra cellule stromali e cellule tumorali. Nell’A.A. 2019/2020 ottiene un assegno di ricerca nell’Università di Roma “Tor Vergata”, presso il Laboratorio di Biologia Applicata, sotto la direzione scientifica della Prof.ssa Lina Ghibelli, dal titolo: “Effetto di composti naturali e di modulatori metabolici nel ripopolamento tumorale postterapia”. Dall’A.A. 2017/2018 ottiene l’incarico di Docenza presso l’Università Cattolica “Nostra Signora del Buon Consiglio” di Tirana, per la cattedra di Biologia nel Corso Integrato di Biologia e Genetica, per il Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia. Dall’A.A. 2015/2016 svolge attività didattica/seminariale nell’ambito del modulo di “Biologia Applicata” presso la Scuola di Specializzazione in Fisica Medica nell’Università di Roma “Tor Vergata”. Dall’A.A. 2016/2017 svolge attività di supporto didattico e partecipazione come membro di commissione di esami, nel Corso in Lingua Inglese di Nanobiotechnology, Corso di Laurea in Biotechnology, presso l’Università degli Studi di Roma “Tor Vergata”. La sua attività di ricerca è volta all’identificazione di terapie antitumorali, studiando sia i meccanismi fisiologici di induzione apoptotica, che l’effetto di trattamenti citotossici (alte dosi di farmaci) e terapia metronomica (basse dosi di agenti chemioterapici) sulla crescita e ripopolamento delle cellule tumorali. Nel corso degli anni si occupa dello studio degli effetti anti-tumorali dei composti naturali, dell’effetto anti-apoptotico dei campi magnetici statici e pulsanti sui sistemi biologici e degli effetti biologici delle nanoparticelle.